Fotovoltaico
Un impianto fotovoltaico consente di trasformare, direttamente e istantaneamente, l’energia del sole in energia elettrica.
I pannelli fotovoltaici vengono collegati ad un Inverter, un apparato elettronico che converte la corrente continua in arrivo dal campo fotovoltaico in corrente alternata in modo da renderla immediatamente disponibile per le utenze domestiche.
Al fine di ottimizzare la produzione, i pannelli solari devono essere disposti con orientamento il più possibile verso la direzione del Sud geografico e con angolo inclinazione rispetto al terreno ottimale (questo dato varia in base alla località geografica di installazione).
Un impianto fotovoltaico può essere progettato per essere isolato dalla rete elettrica (Stand Alone) e accumulare l’energia prodotta all’interno di batterie, collegato alla rete elettrica nazionale (Grid Connected) per l’immissione in rete dell’energia prodotta e non consumata o, con l’attuale innovazione tecnologica, si può scegliere di installare un impianto che congiunga queste due caratteristiche, dove l’energia prodotta dall’impianto viene immagazzinata nelle batterie e, quando sono completamente cariche, l’energia in più viene riversata nella rete elettrica per essere poi remunerata (Storage).

Devi realizzare un nuovo impianto, risolvere un problema o mantenere efficiente il tuo sistema fotovoltaico? Clicca qui.

Solare termico
Un impianto solare termico consente di trasformare l’energia solare in energia termica che viene raccolta in genere sotto forma di acqua calda.
Gli impianti solari termici a loro volta sono suddivisi in impianti a circolazione naturale e a circolazione forzata.
Negli impianti a circolazione naturale il bollitore è posto in testa al pannello e viene sfruttato il principio naturale per cui il fluido vettore, riscaldato dai raggi solari, tende a salire verso l’alto, riscaldando l’acqua presente nel bollitore. Questo tipo di impianti è adoperato in modo particolare per la sola produzione di acqua calda sanitaria.
Questo sistema è veloce e conveniente che sfrutta semplicemente l’energia del sole per riscaldare l’acqua calda della tua casa senza l’ausilio di sistemi meccanici e di centraline.
Negli impianti a circolazione forzata il pannello solare viene collegato al bollitore, posizionato in un vano tecnico, per mezzo di tubazioni.
La circolazione del fluido vettore avviene con l’ausilio di pompe elettriche gestite da una centralina di comando.
Questo sistema è ideale, oltre che alla produzione di acqua calda sanitaria, anche per l’assistenza alla produzione di acqua per il riscaldamento degli ambienti. Inoltre il serbatoio di accumulo può essere posizionato anche a parecchi metri di distanza, ad esempio in un locale tecnico, a vantaggio dell’estetica dell’edificio sul quale viene installato.

Devi realizzare un nuovo impianto, risolvere un problema o mantenere efficiente il tuo sistema solare termico? Clicca qui.

Termo Fotovoltaico
Il Termofotovoltaico è un sistema innovativo che attraverso i pannelli ibridi permette di ottenere da un unico impianto la produzione di energia termica (acqua calda sanitaria ed acqua per riscaldamento e raffrescamento) e di energia elettrica. Il pannello termo-fotovoltaico è un pannello fotovoltaico percorso sul retro da una serpentina all’interno della quale scorre del liquido antigelo. 
Nei prodotti commerciali le celle fotovoltaiche convertono in genere dal 13 al 18% dell’energia radiante incidente, la restante energia rimane intrappolata nella cella e va ad aumentarne la temperatura con conseguente perdita di efficienza di conversione delle celle fotovoltaiche.
La tecnologia del termofotovoltaico è basata sulla produzione fotovoltaica abbinata al recupero di calore delle celle fotovoltaiche di un pannello cristallino, rivoluziona quindi la generazione fotovoltaica permettendo un incremento della produzione elettrica e la generazione simultanea di energia termica.
Inoltre i pannelli ibridi permettono anche a chi ha poco spazio sul tetto di produrre sia energia elettrica che energia termica (acqua calda) poiché lo spazio occupato è solo quello del pannello fotovoltaico!

Devi realizzare un nuovo impianto, risolvere un problema o mantenere efficiente il tuo sistema termo-fotovoltaico? Clicca qui.

Termodinamico
Il solare termodinamico sfrutta il calore presente all’esterno, unendo i punti di forza della pompa di calore e dei collettori solari termici.
È composto da un pannello solare generalmente in alluminio (semplice e leggero, di grandi dimensioni), da un compressore, da un serbatoio di accumulo e da tubature in rame.
Semplificando, si può dire che il funzionamento è l’opposto di quello di un frigorifero: un fluido refrigerante a bassa temperatura gira nel pannello si riscalda per il calore assorbito dall’esterno. Aumentando la temperatura, il fluido passa dallo stato liquido a quello gassoso, viene aspirato dal compressore e entra nel condensatore, una serpentina che contiene acqua. In questo modo, cede il suo calore e ritorna in fase liquida.
Quando c’è vento sfrutta l’energia cinetica e quando piove il calore del vapore acqueo. Per questo la sua peculiarità è proprio la capacità di funzionare 365 giorni l’anno in tutte le condizioni atmosferiche.

Devi realizzare un nuovo impianto, risolvere un problema o mantenere efficiente il tuo sistema termodinamico? Clicca qui.